Scopri i migliori sistemi di allarmi e antifurti per la sicurezza del tuo ponteggio e della tua abitazione!  

Vendita sistemi di allarme per ponteggi

Le migliori soluzioni per la sicurezza del tuo ponteggio: scopri le più moderne tecnologie, gli allarmi GSM e wifi.

Allarme per ponteggio: quale scegliere?

I migliori professionisti dell'antifurto di cantiere. Trova le risposte ai dubbi più comuni sul mondo della sicurezza edile.

Hai un'attività di allarmi e antifurti per cantieri?

Se hai un'attività di antifurti e allarmi per ponteggi, contattaci per inserire la pubblicità della tua azienda sul nostro sito. Avrai la possibilità di catturare numerosi Clienti.

antifurto ponteggi ponteggio

Ponteggi


Il ponteggio è una struttura reticolare provvista, solitamente, di impalcati.
Le impalcature moderne sono quasi tutte costituite da acciaio o alluminio.

Gli impalcati possono essere costituiti da tavole di legno (comunemente chiamate ponti) o di acciaio, indipendentemente dal materiale con cui è costruita la struttura portante.

I ponteggi vengono solitamente realizzati per la costruzione o ristrutturazione di edifici. In tal caso vengono considerati dispositivi di protezione collettiva contro le cadute dall'alto.
Possono inoltre essere utilizzati come strutture autoportanti per la creazione di palchi, gradinate o affissioni pubblicitarie.

I ponteggi dei cantieri edili vengono solitamente equipaggiati con un sistema di antifurto, disattivato durante i lavori e attivato durante le pause. Questo allarme è capace di rilevare eccessivi movimenti della struttura, riconducibili ad atti vandalici.

antifurto ponteggi normativa

La normativa


Le norme relative ai ponteggi sono inserite sostanzialmente nel "Capo II del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro", chiamato “Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota”.

Il D.lgs 81/08 considera lavori in quota tutte quelle “attività che, da chiunque esercitate e alle quali siano addetti lavoratori subordinati o autonomi, concernono la esecuzione dei lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, trasformazione, rinnovamento o smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o altri materiali, comprese le linee e gli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche, di bonifica, sistemazione forestale e di sterro.

Costituiscono, inoltre, lavori di costruzione edile o di ingegneria civile gli scavi, ed il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile”.

Nell'eventualità in cui un ladro riuscisse ad entrare in un appartamento sfruttando i ponteggi installati nella vicinanza dell'edificio, a rispondere del furto e dei conseguenti danni sarebbero sia il condominio che l’appaltatore stesso.
È necessario, però, dimostrare che entrambi non abbiano adottato le misure minime di precauzione per tutelare la sicurezza della proprietà privata.

Tuttavia, secondo una recente sentenza, la ditta appaltatrice non è responsabile del furto in casa, agevolato dai ponteggi montati nel cortile dell’edificio, se il condominio ha voluto risparmiare sull’antifurto, non installando il modello consigliato dall’impresa. Ne consegue che il proprietario dell’immobile dovrà accontentarsi del risarcimento versatogli dal solo condominio.

Di norma, nei preventivi presentati dalle ditte di ristrutturazione viene sempre suggerita l’installazione di un impianto antifurto che, secondo gli accordi, viene predisposto dalla ditta stessa o dal condominio.
Ma se quest’ultimo preferisse risparmiare evitando l'acquisto di un sistema adeguato a garantire la tutela della proprietà privata, alla ditta appaltatrice non potrrebbe essere recriminato nulla.

Non si configura dunque la responsabilità dell’appaltatore: responsabilità che, invece, scatta tutte le volte in cui l’impresa, installando i ponteggi, non dota le strutture delle cautele necessarie per evitare che i ladri le possano utilizzare come trampolini per i furti.

antifurto ponteggi tipologie

Impianti di allarme


Come deterrente per i furti di attrezzature o per evitare l'intrusione nelle abitazioni, sono sempre più utilizzati i sistemi di allarme per ponteggi, sia nel caso di grandi cantieri, sia nelle piccole ristrutturazioni di singole abitazioni.
Questi impianti, progettati appositamente per le esigenze dei cantieri edili, sono dotati di rivelatori testati per essere installati in ambienti così mutevoli, proteggendo la salita attraverso il ponteggio, oltre che eventuali mezzi ed attrezzature di alto valore economico. Questi sistemi antintrusione sono molto semplici da installare ed allo stesso tempo efficienti, nonché disponibili a noleggio.

Queste apparecchiature permettono di rilevare e segnalare la presenza di persone estranee, quando si introducono nelle zone protette al di fuori degli orari di lavoro, offrendo sicurezza agli abitanti degli edifici e all’impresa che esegue i lavori.

Non esistono leggi che considerano obbligatoria l'installazione dei sistemi antifurto sui ponteggi, ma a tutti gli effetti i vantaggi sono numerosi: se necessario proteggono dai furti tutta l’area di cantiere ed il parco macchine, non solo il ponteggio.

È molto importante che il sistema antifurto sia in grado di garantire un alto grado di affidabilità ed efficienza ed, in particolare, limitare al massimo tutti i problemi relativi alla segnalazione di falsi allarme.

Strutturalmente, questa tipologia di antifurto è caratterizzata dalla presenza di una console autoprotetta a tenuta stagna per il controllo dell’antifurto, dotata di radiocomando codificato ed una batteria ricaricabile, eventualmente dotata di pannello fotovoltaico, in grado di alimentare il sistema e garantire un’autonomia di almeno 12 ore.

Esternamente, vengono di solito posizionati dei sensori bidirezionale adatti agli ambienti esterni, oppure dei sistemi antiarrampicamento in grado di reagire alle variazioni di peso ed alle vibrazioni. Il tutto è corredato da un forte segnalatore acustico e luminoso in grado di segnalare l’attivazione del sistema di allarme.

Per consentire l’estensione della protezione a tutto il ponteggio in genere vengono inseriti una serie di moduli secondari collegati al sistema principale grazie ad alcuni cavi caratterizzati dalla presenza di connettori a tenuta stagna. Una volta posizionati tutti gli elementi, il sistema antifurto è facilmente gestibile anche da personale non specializzato. Esistono inoltre sistemi senza fili.

Risulta efficace dotare il cantiere di opportuni cartelli deterrente e, in base alle esigenze, è possibile incrementare il sistema con dei servizi extra: combinatore telefonico GSM, videosorveglianza, programmatore orario, cablaggio interrato, segnalazione incendi, dispositivi di controllo degli accessi e di identificazione delle presenze.

Da non dimenticare, inoltre, i metodi tradizionali di prevenzione: idonea illuminazione dei ponteggi nelle ore notturne e la rimozione, al termine di ogni giornata lavorativa, di scalette mobili e piani di lavoro nella parte inferiore dell’edificio, così da rendere meno agevole l’accesso, tramite l’impalcatura, ai piani più alti.

antifurto ponteggi prezzi

Prezzi


I dispositivi di allarme presenti sul mercato sono molti e di svariato genere.
Pertanto i prezzi possono variare sensibilmente in base alle disposizioni delle aziende, le loro caratteristiche, modelli e marche.

Indicativamente si può partire da una soluzione economica (40 €) per arrivare ad un'impianto professionale (400 €).